JOBBING FEST

Quanti illustri analisti e opinionisti hanno dichiarato che “stanno rubando il futuro ai nostri giovani, ai nostri figli”? Pensiamo che il futuro vada conquistato, con sogni e sacrifici.

images

Jobbing è una parola che non esiste: è un neologismo, un gerundio, un qualcosa che ha a che fare con la parola Job e con un senso in divenire. E’ una nostra invenzione per definire il lavoro che cambia, che si rinnova, che si re-inventa, ogni giorno e ad ogni latitudine. Acusticamente abbiamo voluto richiamare la parola “jogging”, che è sinonimo dello stare in forma, del tenersi allenati. Perché vorremmo che ognuno di noi facesse “jobbing”, tenendo continuamente in allenamento la mente rispetto ai cambiamenti continui che si affastellano veloci e a volte non ci danno tempo di soffermarci a ragionare sull’altra faccia della medaglia, in cui la voglia di riappropriarsi del futuro fa scaturire nuove idee, relazioni, contatti, profili professionali, imprese. Questo mercato del lavoro, che da un lato “taglia”, dall’altro premia sempre più i più bravi, i più meritevoli, i più innovativi e creativi, quelli che sono in grado di portare valore aggiunto alle organizzazioni. E in questa fascia, vince solo chi è costantemente allenato al cambiamento: chi fa “jobbing”, ascoltando, informandosi, facendo rete, sperimentando, senza avere paura di sbagliare, perché interpreta un eventuale fallimento solo come una tappa intermedia da cui ripartire più forti di prima.

JobbingFest è stato premiato nel 2014 come una delle migliori esperienze in tema di inclusione sociale mai realizzate in Italia, nel corso del Sodalitas Social Award.

L’iniziativa nasce nel solco dell’esperienza di Lavoradio, un magazine nato nel 2012 per lanciare un messaggio: di fronte alla crisi occorre reagire, ragionando da imprenditori di se stessi. Ognuno di noi può fare qualcosa per riprendersi il futuro.
Lavoradio da 5 anni sta esplorando “l’Italia che riparte” in lungo e in largo alla ricerca di storie, di testimonianze, di consigli degli esperti, di notizie e di opportunità in grado di assicurare che “farcela è possibile”. Dietro ogni storia c’è una persona, un team, un gruppo che non si è arreso. E’ attraverso queste persone – reali, in carne ed ossa, umili e disponibili, esemplari nella loro proattività – che vogliamo alimentare la fiducia nel futuro da parte dei giovani italiani, troppo spesso scoraggiati e privi di sogni e di motivazione.

Sono le persone a fare la differenza e le persone sono al centro dei nostri incontri!

Target

Giovani, studenti, universitari, over 40 e più in generale, chiunque abbia voglia di conoscere cosa sta cambiando nel mondo del lavoro.

Linguaggio

Jobbing Fest vuole essere una festa. Un format con giovani che parlano ad altri giovani, con utilizzo di video e della musica, della tecnologia; gli interventi sono ideati in stile TED conference e daranno spazio ai casi di successo più innovativi che si sono distinti sul territorio, in vari campi, con un doppio obiettivo: suscitare l’effetto emulazione, amplificato dall’aspetto della prossimità, sia geografica che anagrafica, ricevere prove reali e racconti emotivi, narrati in prima persona, valorizzare le eccellenze del territorio, non sempre riconosciute come tali e non sempre premiate.

Ospite “big”: ogni edizione del JobbingFest prevede la presenza di un ospite importante, a livello nazionale o internazionale, per fungere da ulteriore richiamo e per dare più prestigio all’evento.

Parleremo di

Scenari: i media ci parlano sempre del lavoro che non c’è. Noi disegneremo invece traiettorie del lavoro c’è e si può intercettare o inventare. Presenteremo il Borsino del Lavoro, per scoprire quali sono i settori su cui scommettere, le professioni del futuro, quelle più bizzarre e quelle più “trendy”.

Motivazione: trovare o ritrovare autostima, credere in se stessi, diventare protagonisti, mettersi al timone della propria vita. Si riparte da qui, come primo piccolo passo di una lunga maratona.

Casi di successo: autorevoli ospiti ci diranno qual è il loro punto di vista sul lavoro che cambia e saranno pronti a rispondere alle domande del pubblico.

Multimedialità/Social network: la ricerca attiva del lavoro deve necessariamente puntare su Rete e tecnologia. Daremo quindi una “mappa del tesoro”, tracciando un itinerario sugli strumenti più utili.

Autoimpresa/Startup: giovani che hanno inventato profili professionali innovativi, altri che si sono messi insieme per creare imprese; startupper o aspiranti tali che raccontano la propria esperienza, per dimostrare che oggi si può essere protagonisti del proprio futuro anche nelle periferie e anche senza grandi capitali da investire.

Sei un potenziale partner/sponsor? Hai una scuola, un’Università, un luogo istituzionale disposto ad ospitare l’evento?
Sei un potenziale speaker che vuole raccontare la propria storia?
Sei un esperto nelle tematiche afferenti il Jobbing Fest?

Scrivici e saremo felici di interagire e organizzare un incontro nella tua città!!